space
Adozioni
Abbiamo raggiunto 330 adozioni!
Grazie a tutti quelli che lo hanno reso possibile
Seguici sui social

 

Anche quest'anno potete decidere di aiutare la nostra piccola associazione destinandoci il 5x1000 della vostra dichiarazione dei redditi specificando il nostro codice fiscale 91089910110. 

  AL CANILE ECCO I NEBULIZZATORI CONTROLLATI ANCHE DA REMOTO
AL CANILE ECCO I NEBULIZZATORI CONTROLLATI ANCHE DA REMOTO
Torna indietro

 
Articolo della giornalista Sondra Coggio uscito ieri su Il Secolo XIX.
L'articolo spiega come abbiamo fatto a rendere più confortevole e fresca questa torrida estate per tutti gli ospiti della struttura.
 
Per agevolarne la lettura riportiamo qui sotto il contenuto dell’articolo in maniera integrale:
 
Ottantacinque gabbie, tutte dotate di nebulizzatore e di vaschetta per bagnarsi le zampe e rinfrescarsi. E, ancora, impianti di ventilazione.
E metri e metri di ombreggiante. «Perché la parola canile sembra quasi brutta – spiega Pierandrea Fosella – ma è invece una bella cosa, se ci si impegna perché la sia. E accoglie cani e gatti in difficoltà, finché non si riesce a trovare loro una famiglia».
I volontari dell’Impronta hanno trasformato il rifugio comunale in una struttura modello.
Le adozioni sono tantissime. La cura è costante.
E, in collaborazione con il Comune, sono stati fatti interventi di risanamento radicale.
Il caldo, adesso, non fa più paura. «Le stanze dei nostri vecchietti sono attrezzate con condizionatori e ventilatori – spiega Fosella - nelle gabbie abbiamo optato per gli impianti di nebulizzazione».
I ragazzi hanno una pagina ed un sito in cui si possono vedere foto e video di cani e gatti, sgambo e attività quotidiana.
«I fondi del 5 per mille, nel 2021, sono arrivati da ben 343 cittadini – ringrazia Fosella – e noi, con questi aiuti, abbiamo fatto nuovi spazi attrezzati.
Abbiamo installato dei sensori per la pioggia, perché in caso di precipitazioni non si accendano inutilmente i nebulizzatori. Un computerino ci aiuta a accendere e spegnere con orari differenziati, a seconda dell’esposizione delle gabbie al sole». Tutto è gestibile anche da remoto, attraverso un sistema wi-fi.
«Le ombreggine aiutano – aggiunge - abbassano la temperatura percepita di svariati gradi. Le mettiamo a fine maggio le togliamo a settembre, è un lavoro lungo e complicato ma l’ombra è importantissima»
.Non è tutto. «Ora ogni sgambo ha la sua piscinetta, che viene svuotata pulita ogni sera – spiega - in modo da avere sempre acqua fresca il giorno dopo.
Il nostro sogno è realizzare una vera piscina, il progetto lo abbiamo già su carta, perché una nostra volontaria è geometra. Stiamo cercando i soldi».
Sono state messe vaschette da lavoro, le mastre, in ogni gabbia. «Ce le hanno regalate i cittadini – ringrazia, ancora, Pierandrea – tutto questo è possibile grazie alla città, che ci sostiene e che ci permette di migliorare la vita dei cani e dei gatti».
I ragazzi hanno vinto il nuovo bando di gestione del canile comunale.
Avranno sei anni di lavoro, ancora, e di sogni da realizzare.