space
Adozioni
Abbiamo raggiunto 193 adozioni!
Grazie a tutti quelli che lo hanno reso possibile
Seguici sui social

 

Anche quest'anno potete decidere di aiutare la nostra piccola associazione destinandoci il 5x1000 della vostra dichiarazione dei redditi specificando il nostro codice fiscale 91089910110. 

  CANILE MUNICIPALE DELLA SPEZIA MODELLO DA ESPORTARE.
CANILE MUNICIPALE DELLA SPEZIA MODELLO DA ESPORTARE.
Torna indietro

 

La visita al Canile Municipale della Spezia dei parlamentari  Filippo Maturi e Lorenzo Viviani e della senatrice Stefania Pucciarelli raccontata in questo articolo su Il Secolo XIX.

 

Per agevolarne la lettura  riportiamo qui sotto il contenuto dell’articolo in maniera integrale:

 

«Il canile del Comune della Spezia è un esempio positivo di gestione, un modello da esportare e riproporre in tutta Italia». Si erano interessati del rifugio comunale della città, unica struttura pubblica della provincia, già quando rivestivano ruoli amministravi territoriali. Sono tornati a visitare il canile nelle nuove vesti di parlamentari. E hanno testimoniato il notevole miglioramento avvenuto in termini di servizi offerti, di spazi attrezzati e qualità della vita dei cani e dei gatti.
Stefania Pucciarelli è sottosegretario alla Difesa. Lorenzo Viviani è onorevole. Sono saliti a San Venerio con una delegazione della Lega, con l'onorevole Filippo Maturi, che cura il dipartimento benessere animali del partito e visita rifugi in tutta Italia. «Un canile può essere l'inferno in terra oppure un luogo di speranza — ha detto uscendo - alla Spezia è stato entrambe e cose. L'arrivo dei volontari ha risanato e ripulito tutto, creando aree di sgambata nuove, inserendo cibo di primissima qualità.
Vedere per credere, la migliore struttura che ho visitato fin qui».
L'onorevole è ripartito «con il cuore leggero», citando anche il nuovo salotto gattile e la prospettiva futura di realizzare anche una zona “pensione” e una nuova area da destinare a cani con problemi di salute e cuccioli abbandonati, grazie agli spazi liberati attraverso le adozioni. È della Lega l'assessore al ramo Giulia Giorgi, come la consigliera comunale Federica Paita, responsabile ligure del partito per la tutela degli animali. È stato sottolineato il risultato della sinergia fra l’amministrazione, che ha investito a progetto, e la dedizione dei volontari dell'associazione L'Impronta, che hanno fatto un altissimo numero di “adozioni consapevoli”.
Il canile è oggi un punto di riferimento, ha detto Maturi, grazie anche alla razionalizzazione dei risparmi, che ha garantito importanti investimenti mirati al risparmio energetico, alla sostenibilità e al comfort degli animali». —