space
Adozioni
Abbiamo raggiunto 318 adozioni!
Grazie a tutti quelli che lo hanno reso possibile
Seguici sui social

 

Anche quest'anno potete decidere di aiutare la nostra piccola associazione destinandoci il 5x1000 della vostra dichiarazione dei redditi specificando il nostro codice fiscale 91089910110. 

  PONGO, NERO E MORETTA GLI INVISIBILI.
PONGO, NERO E MORETTA GLI INVISIBILI.
Torna indietro

 

Articolo di Sondra Coggio, sul Secolo XIX.
Parla di Pongo, di Nero e di Moretta che ha vissuto in canile fino a che la morte non l'ha raggiunta.
Nessun riscatto per lei, nessuna vita, mai nessuna opportunità.
Per non dimenticare Moretta,
e per dare una possibilità a tutti gli invisibili che vivono nei nostri canili.

 

Per agevolarne la lettura  riportiamo qui sotto il contenuto dell’articolo in maniera integrale:



«LUI no, grazie. Bello, sì. Affettuoso, sì. Ma è troppo grande». Pongo è così. Un gigante buono e non è più giovane. Il tempo passa, in canile. Sembra lento, ma invece scorre, inesorabile. E ogni porta che si chiude, è un colpo al cuore: una speranza che si infrange. E pur essendo tanto dolce, Pongo, non trova adozione. E i volontari dell’associazione “L’Impronta”, che salgono in canile tutti i giorni, lo adorano: perché è vero, non è piccino, ma è Pongo. E ancora spera, dopo tanto tempo, che qualcuno lo porti a casa con sé. Prima che sia troppo tardi. A volte, la chiamata non arriva. Non ce l’ha fatta, Moretta, a trovare una casa. Anno dopo anno, ha visto uscire i tanti compagni di prigionia. Lei, no. Lei rimaneva lì. Perché i cani neri, meticci, sono “invisibili”. E diventano vecchi. E quando imbiancano, nella barba e negli occhietti, diventano ancora più “invisibili”. Moretta aveva intuito. Aveva capito che no, per lei non ci sarebbe stato un miracolo. E s’era ripiegata, in sé. Adorava solo Nero, l’amico di sempre. Nero, un altro “invisibile”: rimasto, ora, completamente solo. Perché Moretta non c’è più. Forse, lassù, sarà la nuova stella del suo Nero. E forse, chissà, potrà aiutarlo a far innamorare qualcuno, che non guardi all’età, e porti a casa almeno lui: «Perché viva – sussurrano i volontari – anche per lei: la nostra Moretta, tanto sfortunata». Per sapere qualcosa di più su Pongo, e su Nero, e sui tanti cani che sperano in un’adozione, le referenti dell’associazione L’Impronta sono Elisabetta, 338 2635117 e Losa, 320 1458159. I volontari sono presenti in canile il martedì, il giovedì, il venerdì, il sabato e la domenica, dalle 15 alle 18: il sabato ci sono anche la mattina dalle 10 alle 12. La struttura comunale accoglie un centinaio di cani. Si può visitare, contattando i volontari.